Implantologia dentale Roma: le risposte alle più frequenti domande

Implantologia dentale Roma: le risposte alle più frequenti domande

Implantologia dentale Roma: le risposte alle più frequenti domande 1920 1080 Studio Odontoiatrico Dentista a Roma

L‘implantologia è una procedura chirurgica di alto valore estetico che, ormai da alcuni anni, ha rivoluzionato l’approccio clinico tradizionale dell’odontoiatria alla sostituzione dei denti.

Quando uno o più denti vengono persi o estratti, l’osso mascellare e mandibolare si ritrae, creando uno scompenso che può avere diverse conseguenze. Oltre alla perdita del comfort e al deficit estetico, la mancanza di uno o più denti può causare difetti di masticazione, spostamenti dei denti adiacenti e problemi dentali a lungo termine.

Prima dell’implantologia, la sostituzione dei denti mancanti portava automaticamente all’utilizzo di protesi rimovibili (parziali o totali, con tutti i disagi causati) o fisse, che richiedevano il coinvolgimento dei denti adiacenti.

Oggi l’implantologia è una soluzione mirata, che punta a riparare e consolidare i denti sostitutivi e offre l’opportunità di sopperire completamente ai denti mancanti.

Che cos’è l’implantologia dentale?

L’implantologia è la branca dell’odontoiatria che si occupa degli impianti dentali.
Un impianto dentale è una radice artificiale che viene inserita nell’osso alveolare per sostituire uno o più denti mancanti. Su questa radice artificiale poggerà una protesi dentale fissa (spesso una corona in ceramica). Il raccordo tra la vita e la protesi dentale è chiamato moncone o abutment. Questa tecnica non è nuova ma si sta sviluppando sempre di più. Esistono inoltre corone zirconio ceramica avvitate direttamente sugli impianti.

La radice ha spesso la forma di una vite ed è realizzata in titanio o una lega di titanio. Gli impianti in ceramica di ossido di zirconio, noti come impianti in zirconia, sono tra le innovazioni più recenti nell’implantologia moderna. Eliminano il rischio di potenziali allergie al titanio. Gli impianti in zirconia sono comunque usati raramente ed hanno costi elevati.

Come viene posizionato l’impianto dentale?

L’implantologia dentale inizia con la pianificazione del trattamento sulla base degli esami effettuati: radiografia, scanner, modellatura della bocca, eventualmente modellazione computerizzata.

Esistono diversi tipi di impianti e quindi diversi modi per posizionarli. Viene anche presa in considerazione la posizione del dente, lo spessore dell’osso mascellare e le condizioni mediche del paziente. Alcuni impianti richiedono due o tre sessioni e possono essere completati con la corona solo dopo diversi mesi di guarigione. Altri vengono impiantati in una sessione e la corona provvisoria viene posizionata subito dopo.

Il posizionamento di un impianto dentale può essere riassunto in tre fasi principali: l’atto chirurgico che mira all’inserimento dell’impianto nell’osso mascellare, l’osteointegrazione dell’impianto e infine il posizionamento sull’impianto della corona protesica.

Dopo l’esame clinico, il posizionamento di un impianto prevede lo scollamento dall’osso della gengiva e l’inserimento della vite su cui verrà posizionato l’impianto . A questo punto la gengiva viene richiusa con sutura e solitamente viene applicata una protesi provvisoria, che può essere fissa o mobile.

Segue un periodo variabile, a seconda dei casi, da sei settimane a sei mesi, per permettere la fase di osteointegrazione. Una volta che l’osso è guarito, si procede all’impronta per la protesi definitiva.

Il posizionamento dell’impianto viene eseguito in anestesia locale, quindi è indolore. Dopo la procedura possono verificarsi gonfiore e dolore, che possono essere trattati con antidolorifici. Diversamente accade con una nuova tecnica chiamata implantologia computer guidata tecnica minimamente invasiva che si ottiene senza bisturi e senza suture che riduce sensibilmente le complicanze post operatorie.

Gli impianti richiedono, proprio come i denti veri, un follow-up regolare, per evitare infezioni o qualsiasi problema di igiene orale.

Che cosa si intende per osteointegrazione?

L’impianto dentale è costituito da un materiale biocompatibile in grado di integrarsi naturalmente nel corpo umano ed evitare così il fenomeno del rigetto. Il ruolo dell’osso alveolare è quello di mantenere l’ impianto in posizione e, affinché ciò sia possibile, si deve passare attraverso la fase di osteointegrazione, garanzia di successo dell’impianto.

In parole semplici, l’osteointegrazione è il fenomeno che permette l’integrazione fra l’impianto e l’osso vivo, ancorando saldamente l’impianto in posizione. Nel corso dei mesi, l’osso inizia a crescere intorno all’impianto, rendendolo solido e stabile.

Il titanio è il primo materiale conosciuto completamente biocompatibile. Gli impianti dentali utilizzati in precedenza non potevano essere osteointegrati: l’acciaio o il tantalio portavano questi impianti ad un incapsulamento fibroso isolandoli dall’osso (fibrointegrazione). C’erano poi alti tassi di rigetto e fallimento.

Grazie al titanio, il rischio di rigetto è scomparso. Inoltre, che si tratti di titanio o leghe di titanio, ad oggi non è stato individuato alcun fenomeno allergico, dopo oltre 25 anni di utilizzo.

Cosa si intende per implantologia computer guidata?

La prima preoccupazione di un paziente che, avendo perso uno o più denti, sta valutando gli impianti dentali per ritrovare la piena funzionalità masticatoria e il proprio sorriso è: quanto farà male l’inserimento di un impianto dentale?

L’implantologia classica, quindi il ricorso alla chirurgia tradizionale, consiste nel tagliare la gengiva, perforare l’osso mascellare, inserire l’impianto biocompatibile in titanio, suturare la ferita con punti e attendere l’osteointegrazione. Questo intervento chirurgico iniziale è seguito da un periodo di recupero durante il quale si verificano gonfiore e dolore poiché gli effetti dell’anestesia svaniscono.

L’odontoiatria moderna – che negli ultimi anni ha visto enormi progressi in tutto il settore ed in particolare nell’implantologia – ha notevolmente facilitato la procedura di inserimento degli impianti dentali e reso più confortevole il decorso postoperatorio. Tutto questo è stato possibile grazie all’implantologia computer assistita.

Si tratta di una moderna tecnica di implantologia che consiste nel pianificare al computer il posizionamento degli impianti dentali: in questo modo il dentista ottiene risultati precisi, poiché il software consente misurazioni sofisticate, in grado di rilevare automaticamente il canale dove decorre il nervo.

Con il software è quindi possibile determinare l’esatta lunghezza e posizione degli impianti dentali. Inoltre si ottiene un modello tridimensionale che funge da guida per posizionare gli impianti nel punto più opportuno, a seconda dell’osso e della struttura anatomica dell’arcata dentale.

Da queste informazioni risultano evidenti alcuni dei vantaggi dell’implantologia assistita da computer:

  • Interventi chirurgici molto precisi e veloci;
  • Esclusione dei tronchi nervosi e delle parti sensibili o delicate;
  • Operazioni meno invasive;
  • Riabilitazione rapida;
  • Nessun punto di sutura, nessun sanguinamento o gonfiore;
  • Nessun dolore;
  • Risultati accurati grazie alla simulazione;
  • Massima sicurezza per il paziente;
  • Prevenzione dei rischi chirurgici.

Chi può beneficiare dell’implantologia dentale?

Sostituire i denti non è solo un atto cosmetico. Un dente mancante può causare, molto spesso, difficoltà di masticazione, spostamento dei denti adiacenti. Gli impianti dentali possono sostituire i denti mancanti con effetti collaterali minimi.

Per poter beneficiare degli impianti dentali, è necessario soddisfare determinate condizioni: essere in buona salute, avere gengive sane e una base ossea sufficientemente spessa nelle strutture ossee. Inoltre, la crescita ossea deve essere completa.

Il diabete non controllato e le malattie cardiache possono rappresentare un rischio durante l’esecuzione dell’intervento chirurgico. Anche il fumo può interferire con la guarigione, è meglio non fumare o essere in grado di limitare il consumo di tabacco nei mesi successivi all’intervento.
Per questo è importante che il dentista prenda atto dello stato di salute del paziente prima di procedere con l’intervento. Il dentista prima valuta attentamente la bocca del paziente ed esegue radiografie delle arcate dentarie e dei denti per determinare se la persona è idonea a ricevere l’impianto dentale.

Se la base ossea della mascella è insufficiente per accogliere gli impianti, c’è una soluzione: l’innesto osseo. Lo scopo dell’innesto è quello di aumentare il volume osseo della mandibola e del mascellare nei casi in cui sia diminuito o sia naturalmente insufficiente, per poter poi ricevere gli impianti.

L’innesto osseo consiste in un’operazione di ricostruzione dell’osso alveolare utilizzando l’osso proveniente dal paziente stesso o da un donatore esterno. Può anche essere di natura sintetica. L’origine dell’innesto è determinata dal dentista in base alle condizioni del paziente e alle sue esigenze.

Qual è il tasso di successo di un intervento implantologico?

L’implantologia dentale ha un tasso di successo molto alto, che si attesta intorno al 97%, e quindi è un trattamento estremamente prevedibile. Il tasso di successo dell’impianto può essere previsto valutando le condizioni esistenti prima dell’inizio dell’intervento chirurgico:

  • La salute del paziente;
  • La salute dell’osso mascellare nel sito del futuro impianto;
  • La quantità di osso presente;
  • La qualità, le dimensioni e il tipo dei materiali dell’impianto dentale;
  • L’abilità del chirurgo.

Quando questi fattori sono soddisfatti, ci si può aspettare che l’intervento chirurgico iniziale proceda senza intoppi ed è più probabile che il trattamento implantare abbia successo.

Dopo l’intervento chirurgico iniziale, gran parte della percentuale di successo dipenderà dal mantenimento di una buona igiene orale e dalla disponibilità a seguire le istruzioni postoperatorie. Si consiglia di assumere i farmaci prescritti, essere presenti agli appuntamenti di follow-up e segnalare eventuali segni o sintomi che si verificano durante il periodo di recupero.

In cosa consiste la rigenerazione ossea guidata (GBR)?

L’impianto dentale è sempre condizionato dalla presenza di un sufficiente volume di tessuto osseo e gengivale. Tuttavia, la perdita dei denti porta alla perdita ossea, il che rende l’intervento non fattibile in alcuni pazienti. La rigenerazione ossea guidata si presenta quindi come una soluzione per favorire la riabilitazione implantare. L’avvento di questa tecnica ha rivoluzionato l’implantologia perché ha permesso di posizionare gli impianti in situazioni che prima non lo consentivano.

La rigenerazione ossea guidata è una tecnica di innesto osseo che combina le proprietà di guarigione dei tessuti per stimolare il ripopolamento selettivo delle cellule attorno all’innesto. Per arrivare a questo risultato, il dentista si serve di griglie in titanio o di membrane che, a seconda del caso, possono essere riassorbibili o non riassorbibili.

Dal momento che la gengiva tende ad espandersi molto velocemente, le membrane hanno l’obiettivo di separarla dal materiale utilizzato per la rigenerazione ossea: in questo modo si riesce a generare lo spazio necessario alla guarigione e formazione del nuovo tessuto.

La tecnica di rigenerazione ossea guidata è riservata alla ricostruzione di piccoli volumi ossei. Per ricostruzioni più grandi, il chirurgo dentale deve utilizzare innesti ossei con rimozione di grandi volumi in bocca o sul cranio.

Quali rischi esistono dopo un intervento di implantologia?

La prima cosa da fare prima di considerare il posizionamento di un impianto dentale è controllare di non avere controindicazioni. Alcune malattie cardiovascolari, tumori in evoluzione, malattie immunosoppressive sono tra le patologie non compatibili con il posizionamento di un impianto.

I rischi di complicanze sono maggiori in caso di diabete non controllato o insufficienza renale, o in presenza di malattie come l’emofilia. Anche il fumo o il consumo eccessivo di alcol possono causare problemi di guarigione. Se si ha una gravidanza in corso, è meglio posticipare il progetto di posizionamento dell’impianto. In generale, è preferibile che il paziente sia in buona salute, sia fisica che mentale, per eseguire un posizionamento implantare in tutta tranquillità.

Accertate queste condizioni, l’implantologia dentale si svolge senza complicazioni nella stragrande maggioranza dei casi. Come per qualsiasi intervento chirurgico, il rispetto delle più severe norme igieniche limita il rischio di infezione. Manifestazioni transitorie, come gonfiore delle gengive o sanguinamento minore, sono tra i possibili effetti collaterali nelle 24 ore successive alla procedura.

Al di là di questi inconvenienti a breve termine, il rigetto di un impianto è particolarmente raro. Fattori come il bruxismo o il fumo sono spesso i responsabili.

Come prendersi cura di un impianto dentale?

L’implantologia dentale richiede cure adeguate prima, durante e dopo il trattamento. Come per la corona dentale, una buona igiene orale è essenziale per il successo di un impianto e per ottenere i migliori risultati a lungo termine.

Anche se queste protesi non sono soggette a carie e non possono decadere come i denti naturali, la salute delle gengive è infatti essenziale se si desidera mantenere a lungo i propri impianti e quindi proteggere il proprio investimento.

Allo stesso modo, dovresti pulire gli impianti almeno due volte al giorno con uno spazzolino a setole morbide e un dentifricio non aggressivo che rimuoverà delicatamente batteri, particelle di cibo e placca che sono fonte di gengivite.

Dovresti anche usare il filo interdentale almeno una volta al giorno, in particolare il filo interdentale specifico per impianto o filo interdentale di qualità non cerato. Se il cibo rimane bloccato tra i denti o gli impianti dopo i pasti, eliminalo con il filo interdentale prima che causi irritazioni e infiammazioni alle gengive.

Inoltre, è importante visitare regolarmente il dentista per mantenere in salute il tuo impianto (e i tuoi denti naturali!). Quest’ultimo potrebbe consigliarti l’uso di scovolini e colluttorio per prevenire il rischio di infiammazioni gengivali.

Quanto durerà il mio impianto dentale?

Gli studi condotti negli ultimi anni ci forniscono una prospettiva significativa sulla “durata della vita” di un impianto. Nella maggior parte dei casi, gli impianti saranno ancora in posizione anche a distanza di 20-30 anni, a patto di seguire scrupolosamente una buona igiene orale e mantenere un buono stato di salute. Tutti questi fattori vengono discussi e valutati prima di considerare il posizionamento dell’impianto.

Nessuno può dirti in anticipo e con certezza per quanto tempo conserverai i tuoi impianti dentali. D’altra parte, puoi mettere le probabilità dalla tua parte scegliendo fin dall’inizio impianti dentali di fascia alta, protesi dentali fissate sugli impianti mediante un sistema di avvitatura, effettuando un check-up due volte l’anno e regolari visite. La lista delle aziende produttrici di impianti dentali che vantano maggiore letteratura scientifica è presente su Wikipedia alla voce implantologia settore merceologico.

Come sapere se è la procedura giusta per te? Contattaci per un consulto specialistico senza impegno. In questa fase ti prospetteremo la soluzione che tiene conto, oltre alla situazione dentale, dell’aspetto economico e personale per permetterti di affrontare nel modo migliore il tuo percorso di cura.

    INVIA UNA RICHIESTA

    Compila il form per ricevere maggiori informazioni o prenotare un appuntamento.

    Inviando questo modulo dichiaro di aver preso visione dell'Informativa alla Privacy di questo sito e autorizzo il trattamento dei miei dati personali ai sensi del D.Lgs 30 giugno 2003, n. 196, del D.Lgs 196/2003, art. 13 e del GDPR 679/1 art. 13. I dati personali rilasciati in questo modulo non verranno per nessuna ragione divulgati a terzi.
    Accetto

    Chiama ora

    Su questo sito utilizziamo i cookies secondo le finalità indicate nella nostra Cookies Policy. Prima di continuare a navigare ti chiediamo di acconsentire al loro utilizzo, invitandoti a consultare l'informativa estesa nella pagina dedicata alla nostra Privacy e Cookie Policy se desideri maggiori informazioni.
    INFORMATIVA

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi