Perdita dei denti: Ponti o Impianti?

perdita-denti-ponti-o-impianti-dentali

Perdita dei denti: Ponti o Impianti?

Perdita dei denti: Ponti o Impianti? 1920 1080 Studio Odontoiatrico Dentista a Roma

Meglio un ponte o un impianto?”

Certamente nel caso di perdita di uno o più denti il loro ripristino protesico diviene pressoché doveroso. Il motivo? Quando uno o più elementi dentari vengono a mancare, oltre ad un disagio emotivo e sociale e al possibile insorgere di disturbi fonetici (specie nel caso di denti anteriori), nel tempo è possibile andare incontro a problematiche ben più serie e complicate da trattare.

Se un dente non viene sostituito, infatti, si potrebbe incorrere nello spostamento dei denti adiacenti e antagonisti, con l’instaurarsi di squilibri dinamici della masticazione (specie se si tratta di denti posteriori), l’insorgere di malocclusioni e di una regressione ossea che potrebbe addirittura pregiudicare il successo di un futuro recupero.

Il ripristino protesico

Al fine di prevenire ulteriori danni, il compito dell’odontoiatra è dunque quello di scegliere, insieme al paziente, la miglior soluzione protesica per un pieno ripristino funzionale ed estetico del sorriso.
Nel caso in cui i denti mancanti siano contigui, in particolare, il medico valuterà in base a molteplici fattori quale opzione tra un ripristino eseguito per mezzo di un ponte dentale e quello realizzato, invece, per mezzo di un impianto dentale, risulti più consono per il caso in esame.

Se in epoca pre-implantarie l’adozione di ponti era infatti una scelta quasi obbligata (con un conseguente, necessario, coinvolgimento dei denti adiacenti a quello/quelli da sostituire) ad oggi la soluzione implantare offre nuove opportunità, e soprattutto nel caso di singoli denti viene ormai considerata più affidabile e stabile.

Ogni caso deve essere tuttavia trattato a sé, e spetta al dentista studiarlo e descrivere al paziente vantaggi e svantaggi di ogni opzione.

Che cos’è un ponte dentale?

Il ponte è un manufatto protesico che sfrutta i denti adiacenti a quello (o quelli) perso, quale “pilastro” cui ancorarsi per colmare lo spazio edentulo intermedio. La sostituzione di uno o più denti per mezzo di ponti dentali richiede dunque necessariamente la monconizzazione e protesizzazione dei naturali adiacenti per poter essere realizzata, e il suo maggior svantaggio è proprio il grande sacrificio di sostanza nobile in denti sani. Bisogna inoltre tener presente che, in presenza di un ponte, la manutenzione e igiene da parte del paziente dovrà essere più che accurata, in quanto i denti monconizzati, così come gli alveoli dei denti mancanti, risultano più soggetti ad infiltrazioni cariose e l’eccessivo accumulo di placca batterica potrebbe compromettere, nel tempo, la salute degli stessi denti pilastro e dei tessuti di sostegno.

Che cos’è un impianto dentale?

L’impianto è una protesi costituita da una vite in titanio, che viene inserita nell’osso mascellare o mandibolare per svolgere un ruolo di “radice artificiale” cui collegare, per mezzo di cementazione o avvitamento, una corona dentale. Questa soluzione, a differenza del ponte, non richiede il sacrificio di altri denti naturali per sostituire quello mancante, ma richiede un piccolo intervento chirurgico e un maggior spesa iniziale, per risultati però esteticamente e funzionalmente migliori.

Ponti vs Impianti

La scelta tra l’una o l’altra soluzione dipende da una serie di fattori che devono sempre essere attentamente vagliati prima di procedere, nella pratica, alla sostituzione di uno o più elementi mancanti.

Quando scegliere i ponti dentali

Il dentista potrebbe decidere infatti di procedere ad una protesizzazione attraverso un ponte dentale qualora si presentino condizioni favorevoli per la sua adozione, e in particolare;

  • quando i denti adiacenti a quello da sostituire sono sani e stabili, ovvero adatti a svolgere il ruolo di “pilastri”;
  • quando i denti adiacenti a quello mancante possiedono già difetti o anomalie morfologiche o cromatiche;
  • quando i denti adiacenti siano stati precedentemente trattati e necessitano comunque di protesizzazione;
  • quando un intervento chirurgico è sconsigliabile (o viene rifiutato dal paziente)
  • quando non vi è sufficiente disponibilità ossea per inserire un impianto (e non ci si voglia sottoporre ad interventi preventivi di rigenerazione o rialzo del seno mascellare)

Quando scegliere gli impianti dentali

Un intervento di tipo implantologico è invece preferibile quando:

  • i denti adiacenti a quello mancante sono sani, e proprio per questo non è opportuno sacrificarli ad una protesizzazione;
  • vi è osso in quantità sufficiente, e di qualità, per accogliere un impianto;
  • si è disposti ad affrontare un intervento di piccola chirurgia

    INVIA UNA RICHIESTA

    Compila il form per ricevere maggiori informazioni o prenotare un appuntamento.

    Inviando questo modulo dichiaro di aver preso visione dell'Informativa alla Privacy di questo sito e autorizzo il trattamento dei miei dati personali ai sensi del D.Lgs 30 giugno 2003, n. 196, del D.Lgs 196/2003, art. 13 e del GDPR 679/1 art. 13. I dati personali rilasciati in questo modulo non verranno per nessuna ragione divulgati a terzi.
    Accetto

    Chiama ora

    Su questo sito utilizziamo i cookies secondo le finalità indicate nella nostra Cookies Policy. Prima di continuare a navigare ti chiediamo di acconsentire al loro utilizzo, invitandoti a consultare l'informativa estesa nella pagina dedicata alla nostra Privacy e Cookie Policy se desideri maggiori informazioni.
    INFORMATIVA

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi